OCTAVIUS

Esce oggi il nuovo disco di Octavius per la Mannequin Records. In netto contrasto con il recente revival  che ha riportato in auge derive synth pop, ‘Laws’ trae linfa vitale dal Bowie di Low, dai New Order al loro esordio e da Tricky in era Pre-Milleniun Tension, stratificando il tutto con lyrics e immaginari ispirati dal grande occultista Aleister Crowley. Dissonanze vi offre in esclusiva una traccia in download gratuito.

 

Descrivere la musica di Octavius non è certamente facile. Ci aveva provato The Wire, definendolo come un ‘Ian Curtis alle prese con Merzbow’ ma le radici e l’anima di William Marshall sono ben più complesse, come il livello di accessibilità alle sue produzioni potrebbe sembrare – e ingannare – ad un primo e disattento ascolto.

 

Attivo dal 1998 e con dischi all’attivo per etichette come la Mush Records e Audio Noir, Octavius ha sviluppato negli ultimi 13 anni un’imponente abilità produttiva sul fronte elettronico, attraverso l’utilizzo di strumenti tradizionali, campionatori ed editing software. ‘Laws’ rappresenta il risultato più maturo raggiunto dall’artista statunitense, dove momenti di elettronica glaciale e fratturata si alternano ad un’ appassionata anima soul e hip hop, restituendoci un prodotto sonoro dualmente complesso e accessibile. Heart and soul, one will burn.