Blouse – Into black

La scorsa primavera ci ha regalato Blouse. Direttamente da Portland, Oregon, ci arriva la sua voce distante e persa in percussioni ipnotiche e atmosfere estranee. Si sa relativamente poco sui piani di quest’artista in bilico tra fascino dreamy e attitudini low, ma dai primi ascolti c’è molto di promettente. Per farsi un’idea basta lasciarsi andare all’ascolto più naturale durante la visione di un video che sa di film francese (Les Amants du Pont-Neuf di Léos Carax).

 

La realizzazione è di Ben Razavi e Bernard Pantoja dei Wooden Lens, che ha già lavorato nel settore per artisti come Minks, CatwalkCosmetics e Beach Fossils. Chi vuole scommettere che l’LP sarà all’altezza di questo singolo così curioso?

 

Tags:
scroll to top